i migliori anni della nostra vita

In questi giorni i blog musicarelli, e non solo, sono alle prese con un giochino molto divertente: siccome il nme ha fatto un elenco delle dieci migliori canzoni degli anni ’90, hanno deciso di emulare rob fleming e stilare ognuno la sua personale top ten. E siccome non sono la figlia della serva, ho lottato contro la mia abulia e contro le ragnatele telematiche di questo blog e sono pronta a dirvi le mie. Siete pronti?
Premessa a margine necessaria: manca tanta roba. Ma ho cercato di essere onesta e di non fare la gaggia cercando di mettere roba misconosciuta. Mi sono attenuta al criterio di cose che ancora ascolto e sono invecchiare bene. Però siccome anche le regole vanno infrante, ci saranno dieci ghost track italiane. Perché non mi andava di mischiare e perché tra “notti magiche” “waiting for tonight” è uscita tanta bella roba anche qui.
L’ordine è assolutamente casuale
DRIVE (REM): Il mio fidanzato anziano mi dice sempre che ho avuto un gran culo ad essere stata adolescente negli anni ’90. Forse è vero, però all’inizio anche io ho dovuto ascoltare una discreta quantità di musica di merda quel periodo. E ballare i lenti delle feste delle medie con “alta marea” di Venditti. C’era un’altra canzone che cercava di insidiare Venditti dai più ballati era “Losing my religion”. Ammetterete, tutta un’altra storia. Ho cominciato ad ascoltare i REM per caso, ma li ho sentiti fino all’umano sfinimento. Questa canzone sentita live è stata la ricompensa di una giornata passata davanti ai cancelli del palasport, con lo zaino di scuola e gli anfibi nuovi. Il giorno che ho preso coscienza che l’ipoglicemia non è necessariamente un male se può portare mike mills a preoccuparsi della tua salute, prima di salire sul palco a suonare.
DAUGHTER (PEARL JAM): “VS” è una di quelle cose per cui sarò davvero sempre grata al mio primo moroso. Lui diceva che ascoltavo musica di merda e che il mio orecchio andava rieducato. Per cui uno dei primi provvedimenti presi, quando ancora non stavamo insieme, fu farmi una copia di “ten” e “VS”. Io poi mi sono innamorata di Eddie Vedder e il resto è storia.
LITHIUM (NIRVANA): che poi, musica di merda. Ascoltavo i Nirvana, ma per lui erano troppo mainstream, anche se probabilmente lo diceva in un altro modo. Ero troppo giovine per ricordarmi l’uscita di “Nevermind”, della quale ricordo solo la copertina e una surreale traduzione di “smells like teen spirit” fatta da “TUTTO musica&spettacolo”. Ho recuperato dai miei amichetti della parrocchia, che a livello musicale erano avantissimo (anche perché quasi tutti muniti di un discreto numero di fratelli più grandi che li educavano.)
PARKLIFE (BLUR): poi, per me, fondamentalmente gli anni ’90 sono stati gli anni della cool Britannia. Non quella di Tony Blair, che mi è sempre stato sulle palle, anche quando ero iscritta al pds. Quella della musica che si rifaceva ai Beatles, agli Who e ai Rolling Stone. Siccome avevo dei parenti in Inghilterra, mediamente ci passavo almeno un mese l’anno. Niente a che vedere con le vacanze da studenti organizzate dalla EF. Io ci andavo con mia nonna e facevo la vita che avrei fatto a Ladispoli, tranne che a Ladispoli non c’era la Tower Record. E questa canzone ha il sapore di quelle estati lunghissime.
ANYONE CAN PLAY GUITAR (RADIOHEAD): poi era divertente, perché quando dicevi che ascoltavi il britt pop, 9 persone su 10 pensavano che sentissi take that e spice girls. Quello su dieci che capiva era un tuo compare. I Radiohead hanno fatto cose sicuramente migliori di questa canzone. Ma “Pablo Honey” per me è il disco della potenza, nel senso aristotelico del termine. C’era già tutto (ok, la finisco di dire stronzate)
DISCO 2000 (PULP): per una gran quantità di persone gli anni ’90, a livello di vestiario, hanno significato flanella e magliette di gruppi x metallari. Io ho passato buona parte del decennio con vestitini di raso e enormi zeppe. Praticamente mi vestivo da zoccola, ma non lo facevo per una questione seduttiva. Era una ragionata presa di coscienza; volevo essere una mods. La mia icona di stile era Jarvis Cocker, e con questo credo di avere detto tutto.
NOVOCAINE FOR THE SOUL (EELS): questa fu una botta di culo. Ho comprato “Beautiful freak” per la copertina, un giorno che mi avanzavano ventimila lire per una cassetta. Tra i soldi meglio spesi della mia vita.
WHERE DO I BEGIN (CHEMICAL BROTHERS): non so voi, ma io negli anni ’90 andavo a ballare. Al Red Zone di Perugia, al Cyborg di Attigliano, al Black Out che a Roma era ancora in via Saturnia. Andavo a ballare e mi piaceva sentire le canzoni che ballavo anche in altri contesti. Questa, per esempio, è stata il sottofondo della stesura della mia tesina della maturità.
HYPERBALLAD (BJORK): questo è il ricordo di un amore non corrisposto e all’epoca dolorosissimo. Ma vuole essere un omaggio alle cantanti donne. Negli anni ’90 potevi sentire un sacco di donne che cantavano, contente, incazzate, vestite male, icone di stile, lesbiche, eterosessuali. ora no. Perché?
BONUS TRAKS (LE 10 MIGLIORI ITALIANE A MIO MODESTO E INSINDACABILE PARERE)
TUNGSTENO (SCISMA)
FORMA E SOSTANZA (CSI)
COLLOQUIUM VITAE (MAX GAZZE’)
CURRE CURRE GUAGLIO’ (99 POSSE)
FIGHT DA FAIDA (FRANKIE HINRG)
FUORI DAL TEMPO (BLUVERTIGO)
STRANI GIORNI (FRANCO BATTIATO)
MODI (VINICIO CAPOSSELA)
BLACK ATHENA (ALMAMEGRETTA)
IL CIELO SOPRA ROMA (COLLE DER FOMENTO)
e ditemi brava perché non ci ho messo nessun cantautore anzyano 🙂

Annunci

3 responses to this post.

  1. Posted by peltro on maggio 24, 2012 at 9:24 pm

    primo! (oh, ma il fidanziano ce lo devi sempre infilare in qualche modo, eh?)

    Rispondi

  2. Comunque non sono capace di contare e ne manca una. Che e bullett with butterfly wings degli smashing pumpkins. Ok che gli anni ’90 sono stati di formazione, ma negli anni ’80 non mi hanno insegnato troppo bene a contare…

    Rispondi

  3. Il nome di questo blog è genio puro. E il primo post che leggo mi pare in linea con la testata.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: